Come regolare il metabolismo: benefici per il corpo e per la mente

Il metabolismo è un elemento chiave nel benessere di un individuo, il cui funzionamento ottimale comporta benefici a livello di corpo e mente. Da una parte, infatti, un metabolismo veloce consente di avere a disposizione maggiore energia e migliora le funzioni biologiche basilari, come digestione, assimilazione di nutrienti e circolazione sanguigna. Dall’altro, un metabolismo ottimale rappresenta un vantaggio anche per la nostra psiche, poiché consente di sentirsi più riposati e allontanare la sensazione di intorpidimento che solitamente è propria di chi ha un metabolismo lento, riducendo in tal modo anche i livelli di stress. Di seguito vedremo nel dettaglio quali strategie si possono mettere in atto per dare una mano al nostro metabolismo a funzionare in modo ottimale.

Accelerare il metabolismo grazie all’alimentazione

Molti commettono l’errore di ricorrere a diete ipocaloriche tagliando eccessivamente dosi e sostanze nutrienti assunte. Questo metodo può rivelarsi controproducente nell’ottica di un dimagrimento, proprio perché entra in gioco il metabolismo che vedendo un drastico calo delle risorse a disposizione, è costretto a rallentare in modo da non consumare tutte le riserve di energia. Ecco allora che il dimagrimento può subire un blocco, e allo stesso tempo subentra quel senso di stanchezza cui abbiamo accennato.

Esistono degli accorgimenti più efficaci per accelerare il metabolismo partendo dall’alimentazione. Primo tra tutti il mangiare lentamente. Si eviterà in tal modo di inglobare aria e la digestione verrà facilitata da una buona masticazione. Inoltre, sarebbe bene consumare pasti leggeri e spuntini regolari in modo frequente, così da mantenere in allenamento il metabolismo nel corso della giornata, magari introducendo una quantità lievemente maggiore di proteine, preziose alleate per questo scopo.

Ci sono anche degli alimenti che, in misura modesta, possono aiutare il metabolismo a velocizzarsi, almeno per un periodo di tempo limitato, accostandoli magari a un integratore alimentare che aiuti ad ottimizzare la disponibilità energetica ricavabile dagli alimenti, come l'integratore naturale reduslimintegratore.com. Si tratta di cibi ricchi di iodio, quindi pesce e crostacei, che supportano la funzione della tiroide. Questa ghiandola rappresenta la chiave per la regolazione del consumo energetico. Allo stesso modo, caffè, cioccolato e tè verde possono aiutare, sebbene debbano essere consumati con moderazione.

In egual misura, ci sono dei cibi che dovrebbero essere limitati, come quelli contenti carboidrati raffinati, zuccheri e grassi idrogenati, e naturalmente gli alcolici.

L’attività fisica per accelerare il metabolismo

L’esercizio fisico rappresenta il secondo prezioso alleato per il metabolismo, sebbene per quantificarne gli effetti in modo preciso sia necessario considerare quale sia il costo dell’attività in questione in termini energetici, il tempo per il quale viene svolta e il proprio indice di massa corporea. Queste variabili determinano quante calorie, grassi a carboidrati un individuo consumi eseguendo uno specifico esercizio. Oltre a ciò, non si deve trascurare lo stato fisico della persona: si consideri, infatti, che alcune malattie, ad esempio il diabete, possono modificare il processo di consumo energetico.

In termini più pratici, quando si svolge un’attività fisica, anche breve e di bassa intensità, il corpo attiva le sue riserve di grassi e carboidrati per ottenere l’energia necessaria, ma se l’esercizio si prolunga, l’organismo riesce, in proporzione, a consumare un maggiore quantitativo di grassi, dai quali attinge ben l’80% dell’energia di cui necessita. Sarà quindi sufficiente regolare l'intensità dell'attività in base alla propria condizione di allenamento, ma mantenendo una frequenza e una durata costanti per ottenere dei buoni risultati.

Posts created 115

Related Posts

Begin typing your search term above and press enter to search. Press ESC to cancel.

Back To Top